DOVE SOGGIORNARE/PUNTI DI RISTORO_Parte2

Dove soggiornare durante #UMF e #TMF 2019? 


State già immaginando un punto di ristoro magico nel quale ritemprarvi prima di proseguire la vostra sfida? Il Rifugio Chaligne è pronto ad accogliervi! Un’ospitalità speciale in una tipica baita di montagna sapientemente ristrutturata in pietra e legno con particolare attenzione all’ambiente e al rispetto per l’architettura pre-esistente.
Ad accogliervi il ristoro a cura dei proprietari del Rifugio e della Pro Loco del Comune di Gignod, il gusto e l’amore per la tradizione locale.

Sito web: https://www.chaligne.com

PUNTEGGIO ITRA ASSEGNATO A UMF 2019

PUNTI ITRA ASSEGNATI A UMF 2019

UMF 3 PUNTI ITRA

TMF 2 PUNTI ITRA

Sempre più spesso quando ci si iscrive ad una gara si sente parlare di “Punti ITRA“. Capiamo insieme di cosa si tratta e come funziona il sistema di certificazione.

ITRA (International Trail Running Association) ha rilasciato il nuovo sistema di certificazione delle gare disponibile a questo link https://itra.run/?id=267. 

Il punteggio per ogni gara viene calcolato tenendo conto della distanza e del profilo altimetrico. 

Per il 2019 i punteggi sono stati rivisti diventando più stringenti rispetto agli anni precedenti.

Ma come leggere i punteggi ITRA assegnati ai trail? Di seguito riportiamo la spiegazione chiara e sintetica pubblicata su www.s1trail.com .

“Endurance Level”: vicino alla scritta ITRA, potrete trovare un numero da 0 a 6. Questo numero indica quanto una gara è “dura”. In sostanza viene sommata la distanza in km al dislivello in metri e diviso per 100. Quindi questo dato parla di una “durezza” espressa solo ed unicamente in termini di km e metri di salita, non di difficoltà, caratteristiche del terreno e condizioni ambientali.

Mountain level: ovvero quanto la gara ha a caratteristiche oggettive di montagna su una scala da 1 a 12. Vengono tenuti in considerazione i seguenti prametri: ascesa più lunga, altitudine media, ascesa totale.

“Finisher criteria”: Questo dato è molto interessante. Ogni runner può verificare, se ha partecipato ad almeno una gara ITRA,  il suo indice di performance da questa pagina. Comparando a questo il proprio indice di performance al “finisher criteria” il runner può sapere se quella gara è alla sua portata.

Esempio: Se una gara ha come finisher criteria 400, il tuo indice di performance dovrebbe essere almeno 400 per avere buone possibilità di portare a termine la gara.”

RASSEGNA STAMPA

ACmediapress.comhttp://www.acmediapress.com/tour-trail-valle-daosta/a-meta-luglio-tornano-le-gare-intorno-al-fallere/

Zone di montagna meno battute e più selvagge. La padovana Lisa Borzani, che ormai si è trasferita a La Magdeleine, un piccolo comune della Valle d’Aosta, ha definito così il percorso dell’Ultramarathon e del Tour du Fallère, appuntamento che dopo un anno di pausa (gara biennale) è tornato nel calendario 2019 come quinta prova del Tour Trail. 

La Borzani, reduce da un intervento chirurgico al ginocchio, proprio per promuovere le prove intorno a Fallère ha deciso di organizzare insieme al compagno Paolo Pajaro un corso di avvicinamento in vista dell’evento diretto dallo staff di Patrick Sacchetto. Appuntamento ogni lunedì di giugno, all’area verde di Gressan.

I due percorsi delle gare, che partiranno e arriveranno a Saint-Oyen, sono in effetti poco calpestati dagli atleti, molto più utilizzati invece da chi vuole fare una gita verso Punta Chaligne oppure al Rifugio Fallère, due delle mete più conosciute, in zona. 

L’Ultramarathon, lo dice già il nome, non sarà una passeggiata. Il tracciato si snoderà lungo 56 chilometri che presentano 4.500 metri di dislivello positivo. Nove i comuni attraversati, 4 i colli che superano i 2.500 metri di altitudine. Il secondo percorso è più corto: 39 chilometri, con un dislivello di 2700 metri, che regalerà comunque una bellissima vista sui Quattromila della Valle d’Aosta. A Saint-Oyen ci saranno in palio anche punti per l’Ultra Trail du Mont-Blanc, che proprio poche settimane fa ha presentato le nuove linee guida per la qualificazione agli eventi del 2020.

Le iscrizioni sono aperte sul sito Wedosport e verranno chiuse al raggiungimento dei 500 iscritti (150 per la gara lunga, 350 per la corta). Fino al 1° giugno l’iscrizione all’Ultramarathon costa 57 euro, 35 euro invece per il Tour; poi scatterà l’aumento di 5 euro. 

DOVE SOGGIORNARE_Parte1

Dove soggiornare durante #UMF e #TMF 2019? 


Come ogni anno Camping Tunnel International si riconferma a fianco dei nostri atleti proponendo formule vantaggiose e prezzi speciali per gli iscritti a #TMF e #UMF 2019, per i loro amici e le famiglie.
Il Camping mette a disposizione degli atleti e delle loro famiglie molteplici tipologie di soggiorno e strutture: Case Mobili, Roulotte con preingresso in legno, POD, Cocò Sweet, Piazzole.

Sito web: www.campingtunnel.it . 

Direttamente dal loro sito è possibile verificare la disponibilità, richiedere il preventivo e prenotare comodamente online.

TRACCIATO UMF_STEP1

#UMF _ Step.1
Dalla partenza, in zona Prenoud di Saint Oyen si procede in direzione Etroubles lungo la strada poderale dedicata al nordik walking che collega i due comuni. Si parte decisamente veloci ma per un breve tratto.
Dopo circa 500m pianeggianti il sentiero prende una piega decisamente diversa salendo vertiginosamente fino al bivacco Millet costruito alla quota di 2600m s.l.m.


Questo primo tratto di gara è molto impegnativo e metterà già a dura prova i concorrenti, basti pensare che parliamo di circa 5,5 km di sviluppo per un dislivello positivo circa di 1300 metri, i concorrenti saranno felici di sapere che raggiunta la cima avranno modo di ritemprarsi godendo di un panorama mozzafiato per poi lanciarsi in una vertiginosa discesa, all’inizio abbastanza ripida, per diventare poi via via più percorribile che li porterà a raggiungere l’imbocco del vallone di Ars e a ricollegarsi con il tracciato del Tour du Fallère.
#UMF2019